Il nostro sito Web usa cookie concepiti per ottimizzare la tua esperienza, mediante dati analitici e funzionalità aggiuntive.

Fai clic su 'Approvo' per accettare i cookie di CapoterraOnLine. Per ulteriori informazioni riguardanti i cookie, leggi la nostra informativa sulla privacy

Approvo

CapoterraOnLine tiene a precisare che i cookie del proprio sito non vengono utilizzati per scopi commerciali o di profilazione secondo quanto stabilito dalla direttiva 2009/136. I dati raccolti e memorizzati nella cache o sul disco dell'utente finale restano in memoria fino alla chiusura del browser ovvero alla prossima visita e utilizzati per la comunicazione tra browser e server. Lo scopo è quello di migliorare la navigazione e di salvare eventuali preferenze selezionate sul sito. I dati raccolti sono prevalentemente legati al numero di visite ricevute (Google Analytics e ShinyStat), tipo di browser utilizzato, sistema operativo e risoluzione dello schermo [senza, dunque, violare la privacy] in quanto i sitiweb di ultima generazione si auto-impostano in base alle caratteristiche del pc dell'utente.

Nel caso CapoterraOnLine dovesse introdurre banner pubblicitari (ad esempio GoogleADSense) i cookie relativi a tali pubblicità verranno opportunamente segnalati e accettati o meno dall'utente attraverso un apposito messaggio.

Per modificare le impostazioni dei cookie del proprio browser: Impostazioni > Privacy > Cookie

La prima ferrovia della Sardegna

A cura di Cinzia Arrais
La prima ferrovia della Sardegna, adibita al trasporto dei minerali, venne progettata dall'ingegnere Leon Gouin, allora capo della società francese Petin-Guadet. Inaugurata dal principe Umberto di Savoia il 20 novembre del 1862, la strada ferrata partiva dal territorio di Assemini, tra Monte Picci e Moddizzi Manna [ 1 ], per giungere alla prima stazione detta S. Lucia ( vedi mappa del 1897 con freccia verde indicativa) ; poi sostava nella seconda stazione di Capoterra ( vedi mappa del 1885, con freccia rossa che indica l'edificio della stazione ferroviaria) ed infine il convoglio si fermava nell'ultima stazione della Maddalena ( vedi mappa). Nelle rispettive stazioni di S. Lucia e di Capoterra, il treno vuoto in salita s'incrociava con il convoglio pieno in discesa. Questa operazione di scambio avveniva con 3 locomotive e ciascuna aveva 12 vagoni . Nel 1874-75, l'estrazione del minerale venne interrotta poiché il prezzo del minerale non era competitivo. Così la società Petin -Gaudet, decise allora di compensare le perdite acquistando diverse aree boschive di Capoterra, Assemini e Santadi per ricavare del carbone.[2].

Stampa Email

Cose da fare post quarantena #4 resti DC9 Conca d’Oru

Il 14 settembre 1979, l’aereo della compagnia ATI, decollato da Alghero con destinazione Elmas, alle ore 00:47 - ultimo contatto radar - si schiantava sulla cima del monte Conca d’Oru per un errore umano. Complice il maltempo che imperversava sulla nostra zona e, forse, un altimetro guasto, i due politi “disorientati” decidono di abbassare il carrello e scendere di quota, dapprima con l’approvazione della Torre di Controllo, poco dopo revocata. L’intenzione dei piloti, come estratto poi dalla scatola nera, era quella di evitare le fitte nubi in prossimità di Cagliari-Elmas, effettuando una virata a 360 gradi sopra Capoterra ma l’aereo, troppo basso, urta con la coda la cima rocciosa di Conca d’Oru: una palla di fuoco illumina il cielo accompagnato da un rombo cupo. I soccorritori giungono dopo 7 ore sia a causa della mancanza di un sentiero e sia per l’incessante pioggia di quella notte. Solo una compagnia militare di Teulada, paracadutati dagli elicotteri, raggiunge quasi subito il luogo del disastro con il compito di sparare a vista a chiunque non fosse un soccorritore. Una notte trascorsa tra i resti umani, evitando che animali selvatici divorassero i resti dei cadaveri o qualche sciacallo, attratto da oggetti di valore, vi arrivasse di nascosto. Dei 31 passeggeri nessuno sopravvisse all’impatto.

Stampa Email

Cose da fare post quarantena #3 Miniera di San Leone

Per il terzo appuntamento della serie “cose da fare post quarantena” ho deciso di invitarvi a fare una escursione a Cirifoddi, nell’immensa area mineraria dismessa di San Leone.
Si tratta di un luogo molto affascinante, soprattutto per gli amanti della archeologia industriale.
È raggiungibile da Capoterra in auto, a piedi o in mtb. Dipende tutto dalla vostra disponibilità di tempo e, soprattutto, dalla voglia di camminare.
L’ingresso ufficiale al sito è dalla SP1. Ci sono, poi, due ingressi “ufficiosi” da Genn’e Soi a piedi o in mtb , oppure solo a piedi da BaccuTinghinu-Pranedda. Questi ultimi due erano i passaggi utilizzati dai minatori di Capoterra. Da Genn’e Soi passavano i “ricchi” possessori di biciclette in quanto la mulattiera permetteva di pedalare per lunghi tratti, da Baccu Tinghinu i “poveri” che andavano a piedi.
In tutti e due i casi, onore ai nostri avi perché entrambe le strade sono veramente ardue, soprattutto per chi poi doveva farsi un turno in miniera!

Stampa Email

Cose da fare post quarantena #1 Escursione gola Is Cioffus

In questi giorni di quarantena, chiusi in casa, la voglia di “evadere” cresce di giorno in giorno. La fine del lockdown si avvicina e in molti già pregustano la tanto agognata libertà. C’è chi non vede l’ora di fare una lunga passeggiata in spiaggia o per le vie della città, chi una capatina al bar preferito e chi, invece, una escursione tra i boschi.
Se appartenete all’ultima categoria, allora questa piccola guida potrà esservi utile.
La gola de Is Cioffus si trova nel territorio del Comune di Sarroch, nel Parco Naturale del Sulcis, nella suggestiva foresta di Monti Nieddu, a pochi chilometri da Capoterra. La si può raggiungere in diversi modi, a seconda del vostro mezzo di trasporto. Se volete risparmiare tempo e raggiungere in auto il più vicino parcheggio, potete arrivarci in due modi: da Capoterra attraverso “Is Scillaras” (o Is Gillaras) o dalla diga di Monte Nieddu, passando per Sarroch.

Stampa Email

European Maritime Day. Capoterra, aula consiliare 19 maggio

Giornata Europea del Mare 2017
In occasione della Giornata Europea del mare - European Maritime Day - venerdì 19 maggio '17, alle 17,30, nell'aula consiliare del Municipio, si terrà l'incontro intitolato "Capoterra e le sue coste: salvaguardia e sviluppo sostenibile del mare", durante il quale cittadini e imprenditori potranno proporre le loro iniziative. L'appuntamento di venerdì, organizzato dalla 6° Commissione politiche Comunitarie del Comune di Capoterra, verterà sui temi dello sviluppo sostenibile del mare in Sardegna e in particolare sulla costa sud-orientale dell'Isola. Partecipanti: Introduce: Veronica Pinna - Presidente Commissione Politiche Comunitarie Comune di Capoterra.

Stampa Email

Corsi creativi II edizione

Sabato 20 maggio 2017 h 19.00, Casa Melis Corso Gramsci 74, saggio finale della seconda edizione "corsi creativi" in via Veneto a Capoterra. Corso base di costumistica e progettazione - taglio e cucito/ corso di scrittura creativa e poesia/ corso di riciclo creativo/ corso di ricamo classico e punto croce/ corso di maglia ed uncinetto/ corso per bambini di creazione bijoux/ corso base di fotografia creativa. Letture poesie ed esposizione manufatti, consegna attestati per tutti i partecipanti ai corsi creativi. Presenta Roberta Marcis con la partecipazione straordinaria del sindaco Francesco Dessi’.

NB: solo gli allievi del corso di fotografia esporranno i loro progetti da sabato 20 maggio 2017 fino a giovedi 25 maggio 2017 dalle h 17.00 alle h 21.00

Stampa Email

Cose da fare post quarantena #2 laguna di Santa Gilla, stagno di Capoterra

Se la montagna non è il vostro forte, allora potrebbe piacervi la zona umida di Capoterra e la sua laguna. Quante volte ci siamo passati a fianco con l’auto ignorandola o, al contrario, l’abbiamo ammirata o semplicemente guardata di sfuggita dal finestrino dell’autobus? Infinite volte. Dunque, è arrivato il momento di fare una visita a questo piccolo angolo di paradiso. Se non siete muniti di bicicletta è il momento giusto per acquistarne una. La morfologia della laguna, con la sua viabilità interna, si presta molto bene al ciclo trekking.
Sfruttando la pista ciclabile, inaugurata qualche anno fa, partendo da Via Trieste e seguendo l’argine del rio santa Lucia, ci si addentra nell’area antistante la foce del fiume, nei pressi dell’insediamento urbano “la residenza del sole”. Se invece la vostra passione è l’equitazione, alcuni maneggi nostrani organizzano periodicamente delle escursioni in sella ai cavalli. Occorre però attraversare il fiume e spostarsi sull’argine opposto per poter seguire il sentiero sterrato per visitare più da vicino la laguna, gli ingressi sono due: da Riu Boi davanti l’impianto di compostaggio, oppure dalla 195SS sotto il ponte della ex Rumianca.

Stampa Email

Sicurezza sulle strade

via diazGiovedì notte nell'incrocio tra la via Diaz e la via Mameli (fronte banca Unipol, per interderci) è avvenuto l'ennesimo incidente e, purtroppo, è solo l'ultimo in ordine di tempo che ha coinvolto questa intersezione. Nonostante l'amministrazione abbia fatto ridurre in lunghezza due stalli a ridosso dell'incrocio, subito dopo un grave incidente che ha visto coinvolti anche dei bambini, resta alta la pericolosità sia per chi procede lungo la Via Diaz e sia per chi esce dalla via Mameli. Ricordiamo che è uno snodo importante per le vicine scuole elementari di via La Marmora. Le auto sfrecciano nella via Diaz a folle velocità in barba al limite di velocità del nostro comune, 30 kmh, rendendo veramente rischioso l'attraversamento. Spesso e volentieri anche i pedoni sono vittime di questo crocevia vuoi per la scarsa visibilità, vuoi perchè le strisce zebrate sono sbiadite e mal segnalate. Nonostante il codice della strada sia ben chiaro a tal riguardo. Infatti l'art 145 del regolamento di Attuazione del Cds recita: sulle strade ove è consentita la sosta, per migliorare la visibilità, da parte dei conducenti, nei confronti dei pedoni che si accingono ad impegnare la carreggiata, gli attraversamenti pedonali possono essere preceduti, nel verso di marcia dei veicoli, da una striscia gialla a zig zag. Chiaramente a Capoterra tutto ciò non esiste. Così come non esiste la cartellonistica verticale per segnalare un attraversamento pedonale, se non in pochi punti...di Via Cagliari. Durante tutta la giornata le lunghe vie del centro abitato vengono scambiate per rettilinei del Mugello: via Amendola, Via Cagliari, Via Diaz, Via Venezia e corso Gramsci. In nessuna di queste strade l'Amministrazione ha mai pensato di installare attraversamenti pedonali rialzati come hanno già fatto a Cagliari, Assemini, Elmas, Selargius. Tutto come prescritto dal Cds, riducendo drasticamente gli incidenti e la le corse folli. Nella centralissima Piazza Sardegna sono spariti tutti, e sottolineo tutti, gli attraversamenti. Ogni volta si rischia di essere asfaltati da automobilisti diversamente attenti, per essere educato.

Stampa Email

Tenacia sarda Oltre la genetica. Presentazione libro

18485651 1335634146528696 6784779477812711693 nLa Biblioteca Poggio dei Pini è lieta di invitarvi alla presentazione del libro "TENACIA SARDA - OLTRE LA GENETICA" di LUIGI TOLA - Domenica 21 Maggio, ore 18.30, presso la sede della Biblioteca in Piazza A. Ricchi - Centro commerciale Poggio dei Pini. Un libro piacevole da leggere, dall’inizio alla fine, mai noioso, mai banale. Un libro che insegna anche qualcosa di molto importante: se hai un’idea, vivila, credici, realizzala. Sembra quasi che nel libro, l'autore riesca a trasmettere la sua passione per lo sport, che non è mai solo sport, ma anche vita sociale, rapporti personali, condivisione di idee, ricerca di qualcosa di nuovo che possa comunque dare un senso di appagamento alla propria vita. Un libro rivolto a tutti, adulti e giovani, uomini e donne, sportivi ai non sportivi in quanto il suo esempio non può che essere un arricchimento interiore per ognuno di noi. Letture di Carmen Salis. Sarà presente l'autore. Biblioteca Poggio dei Pini Piazza A. Ricchi 09012 Poggio dei Pini - Capoterra (CA)

Stampa Email

Visitiamo i Monumenti Capoterra 20/21 maggio 2017

Locandina evento Visitiamo i Monumenti

Addio a Monumenti Aperti, l'Amministrazione comunale di Capoterra opta per il selfservice e promuove per i giorni 20 e 21 maggio la manifestazione “Visitiamo i Monumenti”. Il sodalizio con la Onlus Imago Mundis, patrona della manifestazione Monumenti Aperti, sembrerebbe terminato. Ad ogni modo, in questa edizione, prevista per i giorni di sabato 20 maggio, dalle 16 alle 20 e domenica 21 maggio dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, è possibile visitare gratuitamente i seguenti monumenti ed edifici di culto:

Stampa Email

Altri articoli...