Tutte le bollette sono illegittime

Manifesto PSD

Le bollette del servizio idrico integrato emesse dal Comune di Capoterra sono illegittime. Il Comune di Capoterra ha infatti arbitrariamente applicato retroattivamente un sistema tariffario completamente diverso da quanto già previsto per l’anno 2011, che ha comportato aumenti abnormi che superano il 254% per le utenze domestiche ed il 106% per le attività produttive. In alcun modo la Giunta Comunale poteva il 21.11.2012 modificare le tariffe dell’anno 2011, già confermate ope legis non essendo intervenuto alcun provvedimento entro la scadenza prevista per l’approvazione del bilancio di previsione dello stesso anno (art. 1 comma 169 della Legge 27.12.2006 n. 196).

Inoltre lo stesso Comune di Capoterra ha certificato che il quadro tariffario previgente garantisce una copertura del costo del servizio pari all’89,73%, ed al fine di raggiungere il richiesto equilibrio finanziario del servizio sarebbe stato sufficiente un incremento preordinato alla copertura del 10,26% dei costi (incremento comunque non retroattivo, perché vietato dalla legge). Una giurisprudenza costante e consolidata in materia ha affermato che la regola di irretroattività dell’azione amministrativa è espressione dell’esigenza di garantire la certezza dei rapporti giuridici, oltreché del principio di legalità che, segnatamente in presenza di provvedimenti limitativi della sfera giuridica del privato (tali sono quelli introduttivi di prestazioni imposte), impedisce di incidere unilateralmente e con effetto “ex ante” sulle situazioni soggettive del privato.

Inoltre il principio di non retroattività dell’azione amministrativa, dettato dall’articolo 11 delle Preleggi, è anche espressione dell’esigenza di garantire la certezza dei rapporti giuridici ed il principio di legalità vieta di incidere unilateralmente con effetto retroattivo sulle situazioni soggettive del privato. Il Partito Sardo d’Azione da oggi metterà gratuitamente a disposizione di tutta la cittadinanza i moduli appositamente predisposti per la richiesta di annullamento in sede di autotutela di tutte le bollette del servizio idrico integrato relative ai consumi del 2011, e nei prossimi giorni i volontari della sezione di Capoterra saranno a disposizione dei concittadini capoterresi per aiutarli nella compilazione.

L’auspicio è che i competenti uffici del Comune dispongano l’immediato annullamento di tutti i ruoli del servizio idrico integrato dell’anno 2011, rideterminandone i costi secondo le tariffe previgenti ed evitando così eventuali ricorsi amministrativi che potrebbero finanche considerarsi temerari, considerato che le ragioni del Comune di Capoterra sono ictu oculi palesemente indifendibili. La sezione di Capoterra del Partito Sardo d’Azione ringrazia vivamente il Dott. Federico Onnis Cugia per il prezioso contributo fornito per l’approfondimento giuridico di tale argomento e per la predisposizione dei moduli di autotutela.

Capoterra, 27-03-2013

Il Segretario della Sezione Marco Solinas

Il Capo Gruppo in Consiglio comunale Franco Magi

Stampa Email

Commenti   

0 #5 Pinuccio 2013-04-08 15:09
Citazione Mario M:
Ma il Psd'Az è quel partito che spalleggia Cappellacci?

Se è per questo il segratario Sanna è lo stesso che ha regalato, come un cameriare qualsiasi, la bandiera dei 4 mori a Berlusconi, che ha come maggiordomo sardo doc. prorpio Cappellacci. Però questo non c'entra nulla. In questa occasione il Psd'Az ha avuto il merito di scoperchiare la pentola di acqua putrida.
Citazione
+1 #4 Mario M 2013-04-08 07:00
Ma il Psd'Az è quel partito che spalleggia Cappellacci?
Citazione
+2 #3 La Sentinella 2013-03-29 17:42
Mentre mi risulta che M. Lucia Baire e il suo gruppo (ad eccezione, evidentemente, di Franco Magi), non abbiano fatto pressochè nulla in prima persona ed a “capo scoperto”, ma, probabilmente, hanno comunque agito dietro le “quinte”, per contrastare concretamente il “caro bollette”; mi risulta, invece, che il cosiddetto terzo candidato alla carica di Sindaco (Carlo Carcangiu, del Movimento “Capoterra: Solidarietà – pari dignità”, ndr), abbia organizzato e pubblicizzato, con locandine, su organi di stampa e siti web, un’assemblea pubblica sull’argomento, svoltasi regolarmente a Frutti d’Oro il 21 marzo scorso.
Alla medesima, erano presenti non solo abitanti delle varie lottizzazioni costiere, ma anche diverse persone residenti nel centro storico della ns. cittadina, con le quali si è stabilito un tacito e comune accordo d’azione, per la risoluzione delle problematiche evidenziate durante il vivace e articolato dibattito, dal quale sono scaturite importanti decisioni sulla questione idrica e del caro bollette (pazze, agitate o meritevoli comunque di TSO).
Citazione
+5 #2 Illegittimamente 2013-03-28 18:32
Ma quanto sono belli quelli dell'opposizione; prima tutti uccel di bosco nel momento in cui dovevano impegnarsi per il caso CARO-BOLLETTE, ed ora che Magi si è adoperato per far qualcosa tutti li dietro a prendersi i meriti.
Non ho mai adorato Magi, ma con questa mossa l'ho rivalutato. D'altronde c'è da chiedersi che fine avrebbe fatto Capoterra se fosse finita in mano a uno degli altri due candidati sindaci perdenti. Se ne fosse visto uno in questi giorni!
Citazione
+5 #1 Chicco 2013-03-27 23:02
Bella figur'e m..da!!!
Citazione