La sardegna si ferma a Villa San Pietro

E' il mio incontestato senso civile che mi porta a scrivere queste semplici righe .
Vivo da qualche mese a Pula per lavoro e tra le difficili e attuali scocciature  , anche qui’ come in qualsiasi altra società , esiste il traffico delle automobili , diciamo ,  non proprio a Pula , ma parliamo di SS195.
Il traffico come sappiamo , non solo inquina , ma innervosce chi lo affronta e  piu' in generale lo si combatte per migliorare la qualità della vita.
In questa zona il vero traffico è quello estivo è quindi solo quello del vacanziere ,  che puo' essere anche locale o meglio , sono molte le persone dall'entro terra sardo che si affacciano alle dorate spiaggie a sud di Pula .
Bene arriviamo al dunque .
Sabato e Domenica pomeriggio ,  come sappiamo,  tutto il traffico in rientro si riversa sulla SS195 ,  che viene invasa da una moltiditudine di vacanzieri del weekend .
Con un certo stupore , noto che il flusso delle auto da Cagliari a Villa San Pietro è abbastanza regolare in entrambe le carreggiate , ma quello che proviene da Pula verso Cagliari all'altezza di Villa San Pietro diventa l'inferno .
C’è  sempre qualche chilometro di coda di automobili e di persone giustamente scocciate che rimangono in fila , ma non per un lavoro in corso o un incidente , bensi per un semaforo ; ebbene si un solo semplice ed unico semaforo ,  a Villa San Pietro .!!
E' vero che i semafori ( anche quelli poco intelligenti ) ,  sono un valore aggiunto alla sicurezza della guida ,  ma non c'è dubbio che una rotonda o una rotondina ,  toglierebbe un po di coda  ??  !! Dico bene ?
Si , parliamo dell'incrocio SS195 con il semaforo di Villa San Pietro ; onestamente non conosco le competenze di chi amministra gli strumenti urbanistici in correlazione al traffico veicolare e nemmeno se e quale è l'Ufficio o l'Ente competente provinciale o cumunale o ANAS che promuova , proponga o autorizzi una soluzione ottimale ;  ma sono convinto che una rotonda in quell'incrocio porterebbe ad una consistente diminuzione della coda di automobili sulla statale , diminuendo di non poco  la snervante attesa semaforica .
Sono conscio che il problema non  è solo l’incrocio di Villa S.Pietro , ma c’è anche la bellssima  incompiuta della nuova ss195 , che ad un certo punto improvvisamente sparisce dalle cartine di Google map , come in uno dei  piu succosi servizi di striscia la notizia .
Scusate il sarcasmo ,  in effetti al tempo stesso immagino le difficolta ecomomiche ed amministrative per compiere e completare opere pubbliche  , come le strade di grande percorrenza.
Potrei aggiungere anche che tutta l'  illuminazione a Capoterra lungomare è sempre spente : ma mancano le lampadine ? o i soldi della bolletta ?? .. boh .. va beh , io sono un polentone del nord , dovrei farmi gli affari miei ..ma a me stesso mi dico :  che peccato tutta quella strada con tutti quei bei lampioni ...!!!
Concludo dicendo che è viva la speranza che leggendo queste mie osservazioni qualche diligente lettore possa criticare o migliorare quanto da me asserito ,  in modo che il problema non rimanga solo sulla carta , ma che aprendo un dibattito ,forse l'ennesimo , si possa  stabilire il reale dato di fatto che oscura l'immagine e conseguentemente l'economia del turismo che questi bellissimi posti offrono .
Invio cordiali saluti ed auguri di buon lavoro alla Vostra spett.le Redazione .
F.Cavaldonati
  • Articoli correlati

Stampa Email

Commenti   

0 #5 pincopallina 2011-08-12 20:46
I cavi della corrente dopo tre anni si possono anche ricomprare, possibilmente proteggendoli con dei pozzetti a norma, e non lasciandoli a cielo aperto. Capisco che la competenza sia dell'ANAS, ma se l'amministrazione comunale è sensibile al problema, potrebbe sollecitare e rendere veloce la risoluzione del problema.
Citazione
0 #4 Mario Melis 2011-08-11 21:54
Per quanto riguarda il progetto ancora fermo dovrebbe prendersela con i nostri politici che come scrive CT sono i proprietari di molti terreni dove dovrebbe passare la nuova statale 195. Dopo l'alluvione del 2008 molti di questi politici hanno iniziato a fregarsi per bene le mani già sapendo che avrebbero dovuto rivedere tutto il tragitto per via del problema idrogeologico. infatti appena instaurata la giunta l'ordine del giorno è stato proprio la nuova ss195. Per l'illuminazione dovresti ringraziare chi ruba i cavi della corrente.
Citazione
0 #3 Nessun dorma 2011-08-10 14:15
Condivido le proposte del Sig. Cavaldonati, ma se la popolazione, la “gente”, non “stimola” adeguatamente “dal basso” e in modo organizzato, i politici, gli amministratori, gli Enti preposti, etc., le realizzazioni concrete forse troveranno esito comunque, ma con fortissimi ritardi, ulteriori notevoli disagi e incidenti stradali, purtroppo anche mortali.
Per quanto riguarda il tratto della SS 195, compreso tra la rotonda di “La Maddalena” spiaggia (bivio per Capoterra) e quella di “Torre degli Ulivi”, non c ‘è più niente da dire oltre quello che è già stato detto e scritto. Quel tratto di strada costituisce sicuramente, “di fatto” se non “di forma” (e per noi la sostanza è più importante dell’apparenza, specie quando in ballo ci sono la salute, la sicurezza e la vita dei cittadini tutti), un percorso urbano da illuminarsi adeguatamente. Non a caso sono stati giustamente, a suo tempo, posti in essere i lampioni, i marciapiedi e le ringhiere di protezione (peraltro, tutto molto funzionale e gradevole dal punto di vista estetico). I danni derivati dai tragici eventi alluvionali del 22/10/2008 (sono ormai trascorsi quasi tre anni!), hanno parzialmente rovinato tali installazioni, ma nulla giustifica un ritardo così eclatante nel ripristinare un servizio che vuol dire anche sensibilità nei confronti di una popolazione già duramente colpita dagli accadimenti naturali(moralmente e materialmente), decoro urbanistico e, soprattutto, prevenzione degli incidenti e degli infortuni. Anche la promessa “rotondina” per la lottizzazione “Picciau” attende di essere realizzata da anni, sempre per motivi di sicurezza e per non costringere gli abitanti a “girare” alcuni km. più avanti alla rotonda di Frutti D’Oro, per poi tornare indietro e pervenire finalmente alle proprie abitazioni.
Ma, almeno in questi casi, qualcuno vigila e si muove, non dandosi per vinto in partenza. Se avete notato, sono ricomparsi (sul tratto della 195 sopraindicato) gli striscioni che sollecitano, stimolano, criticano e chiedono alle autorità competenti, la riattivazione dell’illuminazione artificiale (presente solo nella rotonda posta al bivio per Capoterra). Credo che questa, come altre manifestazioni che sono già state svolte e che verranno effettuate, in modo civile ma deciso, costituiscano la prova più evidente di cosa e come si debbano sollecitare le autorità competenti. Pertanto, “nessun dorma” (citando la Turandot), perché anche le conquiste (diritti e realizzazioni materiali) già ottenute con sacrifici e lotte, non sono definitive ma soggette a revisioni profonde o, addirittura, ad annullamenti totali. E’ indispensabile vigilare continuamente e, quando è necessario, si deve far sentire la “voce popolare”, in modo civile-legale, organizzato e adeguato alle circostanze. Altrimenti, è meglio tacere.

Nessun dorma
Citazione
0 #2 Willy 2011-08-09 15:18
perchè si fregano i cavi per vendere il rame.
Citazione
0 #1 CT 2011-08-08 08:58
qui a Capoterra i politici sono anche i proprietari dei terreni dove dovrebbe passare la nuova statale.
Citazione